Tempo 1° itin. 5 ore; 2° itinerario 6 ore

Il 1° itinerario proposto è più impegnativo poiché si incontrano alcuni tratti di sentiero esposti dove sono presenti funi e catene; inoltre possibile trovare neve anche a stagione inoltrata. Si imbocca il sentiero n. 302 e si raggiunge la Sella dei Secreti (m 2650); si giunge poi al punto più alto del sentiero delle Orobie, il colletto del Simal (m 2712, è presente la colonnina di telesoccorso del Soccorso Alpino). Si scende con attenzione lungo un canale franoso, a volte innevato e si continua lungo una zona di detritei sassosi prima di risalire al Forcellino (m 2475); da qui è necessario porre molta attenzione poiché il tratto di discesa è attrezzato con catene di sicurezza; con alcuni saliscendi si giuneg allo spettacolare blu del lago di Coca (m 2108) e da qui in mezz'ora al rifugio Coca (m 1892).

2° itinerario si sviluppa a quote più basse, presenta comunque alcuni tratti esposti ma attrezzati con corde fisse e catene, risulta più lungo di circa 1 ora. Si imbocca il sentiero n. 330 e si scende nel Vallone dei Secreti per giungere con una lunga traversata ai ruderi della Cascina Ecla; si aggira il versante sud del Pizzo Redorta fino alla Valle di Foga (si incontra un pozzo Enel) e si continua per superare le ripide pendici del Pizzo Castello; il sentiero comincia ora a salire decisamente verso il rifugio Coca (m 1892). Escursioni classiche dal rif. sono la salita al Pizzo Coca, vetta più alta delle Orobie (m 3050) e al Passo Coca.